02 marzo 2018

Guide |

Guida e cenni alla semina in semenzaio

Guida e cenni alla semina in semenzaio

In questo articolo vi parleremo della semina in semenzaio di piantine da orto di qualsiasi tipo, andando a elencare i vantaggi e spiegando come effettuare questo tipo di semina.

Il semenzaio è un luogo protetto con clima controllato (serra), e consente di realizzare una semina anticipata (febbraio/marzo), che non sarebbe possibile in campo aperto per le condizioni climatiche ancora troppo rigide per lo sviluppo delle giovani piantine.

Nel semenzaio si possono ottenere delle piantine (consigliate ortive o aromatiche) partendo da un seme, che verranno successivamente trapiantate in campo aperto, nell’orto o in vasi su terrazzo e baconi.

Questa operazione ci permette di ottenere una precocità del ciclo colturale rispetto alla semina diretta in pieno campo, oltre a ridurre tutti i problemi determinati da una semina diretta in campo clima sfavorevole:

  • Insetti del terreno
  • Eccesso di umidità del terreno
  • Costipazione del terreno e formazione di crosta superficiale
  • Temperatura del terreno ancora troppo bassa
  • Temperatura esterna troppo alta all’uscita della giovane piantina

Per creare un semenzaio domestico, non occorrono complicati accorgimenti, ma dobbiamo rispettare alcuni elementi importanti.

  • L’aspetto più importante è la temperatura del terriccio e dell’ambiente in cui si farà il semenzaio.
  • L’ambiente deve essere caldo (15/20 gradi) e luminoso, le piantine quando saranno nate dovranno ricevere la luce del sole, l’esposizione dell’ambiente è consigliabile a sud.
  • Non dovrebbero esserci sbalzi notevoli di temperatura tra il giorno e la notte.

Dovete procurarvi dei contenitori alveolari che andranno riempiti con terriccio idoneo da cubettaggio.

Questi contenitori sono normalmente in polistirolo, o in torba pressata, molto comodi perchè consentono il trapianto del contenitore completo che è biodegradabile. In alternativa potete usare dei bicchierini da caffè in plastica, che potrete riutilizzare l’anno successivo.

È importante praticare alcuni fori nel fondo dei bicchierini, per impedire il ristagno d’acqua, che causerebbe la morte delle giovani piantine.

Utilizzate un terriccio specifico da cubettaggio, ad esempio il PotGrond H Della Klasmann

Nella scelta del periodo di semina potete anche rispettare il ciclo lunare:

non tutti credono però sia determinante per la semina e la germinazione, considerate infatti che chi produce piantine per la vendita, attua la semina tutti i giorni all’interno delle serre con una produzione costante e continuativa.

Se comunque intendete rispettare le fasi lunari sappiate che le ortive che vanno a fiore (cavolfiore, carciofo, broccolo) si seminano in luna crescente, mentre le ortive che non vanno a fiore si seminano in luna calante.

Come si effettua quindi la semina in semenzaio?

  1. Il substrato è molto importante, deve avere una buona dotazione di sostanza organica umificata, essere abbastanza fine, non troppo fibroso, già concimato e avere una buona ritenzione  idrica.
  2. Dopo aver riempito gli alveoli (o i bicchierini), con il terriccio, pressatelo leggermente con le dita, e aggiungete terriccio per riportare al pieno gli alveoli.
  3. Potete ora mettere a dimora i semi di ortaggi che vi piacciono, potete trovare un ampia scelta anche nel nostro negozio Gogoverde.it .
  4. Mettete 2 o 3 semi per ogni alveolo per diminuire le fallanze di semina, posizionandoli al centro dell’alveolo, circa a 1 – 2 cm di profondità; nel caso nascano tutti i semi, lasciate la piantina migliore e togliete le altre.
  5. Terminata l’operazione di semina, irrigate a pioggia, senza esagerare con l’acqua, il terriccio deve risultare umido e non bagnato.
  6. Controllate giornalmente l’umidità del terriccio, inserendo un dito un po’ nel terriccio, per saggiare il tenore di umidità, è fondamentale mantenere l’umidità ad un livello costante.
  7. A questo punto non vi resta che attendere la nascita delle vostre piantine, che andranno poi trapiantate quando avranno 5/6 foglioline (10/20gg), in pieno campo, nel vostro orto, nel periodo in cui il pericolo di gelate notturne sarà scongiurato.
  8. Ricordatevi anche di proteggere le vostre piantine appena nate spruzzando prodotti fungicidi adatti.

Nella prossima guida parleremo della concimazione e dei suoi effetti a seconda dei casi, quindi continuate a seguirci!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *